"Chi accumula libri, accumula desideri;
e chi accumula molti desideri è molto giovane,
anche a ottant'anni."
Ugo Ojetti
"Sono una lettrice da sempre.
Ho letto in ogni fase della mia vita
e non c'è mai stato un periodo in cui la lettura
non sia stata per me la gioia più grande."
Diane Setterfield

venerdì 31 maggio 2013

**Le ragioni del cuore di Pamela Clare**




"Lei ha perso il marito,
lui ha rischiato di perdere sé stesso.
Insieme troveranno l'amore,
e una nuova vita."


Primo libro di Pamela Clare che leggo, e penso proprio che non sarà l'ultimo. Mi sono letteralmente innamorata e nonostante abbia finito di leggerlo, non riesco a riporlo in libreria, tanto che l'ho appena ripreso per leggere le parti che mi sono piaciute di più. Mettendo i miei infiniti segnalibri!!
Una storia dolce e romantica, vissuta in prossimità della frontiera americana nel lontano 1764, durante la guerra franco-indiana.
Bethie è una giovane donna sola, che ha perso il marito, molto più anziano di lei, e porta in grembo un figlio; vive sola in una fattoria e provvede a tutto lei nonostante le sue condizioni. Una donna che ha conosciuto il dolore e l'umiliazione, che ha perso una parte importante di sé.
Un giorno un uomo bellissimo, ma gravemente ferito, incrocia il suo cammino. Un uomo che ha vissuto per anni da solo, nella foresta, cercando di fuggire dall'incessante dolore che tormenta il suo cuore, e la sua anima, ormai perduta. 
Un uomo apparentemente selvaggio, un cacciatore. 
Lui è Nicholas Kenleigh, e si prenderà cura di Bethie, l'aiuterà a mettere al mondo la piccola Belle, di cui si occuperanno insieme. 
Insieme troveranno la via per cancellare il dolore, guariranno le ferite l'uno dell'altra, e troveranno l'amore. L'amore giusto, quello puro, quello che illumina gli occhi e l'anima.
Lo consiglio a chi vuole leggere di un grande amore, dolce e passionale, della continua lotta per la sopravvivenza, e a chi crede ancora nel lieto fine.
Semplice da leggere, mai pesante o volgare, una lettura piacevole, incantevole.
♥♥♥

"Sarebbe riuscito, lui che non si fidava di nessuno, a conquistarsi la fiducia di Bethie? Sarebbe riuscito con quel suo corpo coperto da cicatrici a guarire le ferite che lei nascondeva dentro di sé? E sarebbe riuscito lui, un uomo, a cancellare il ricordo del dolore che le aveva inflitto un altro uomo?"



"Ah, Mattootuk, ma io non ho un cuore."

"Ho visto come guardi la tua donna. Tu la proteggi come un'orsa con i suoi piccoli. Tu hai un cuore, fratello, e lei lo tiene fra le mani."

Ma lui fece qualcosa di inimmaginabile. Si sdraiò al centro del letto, allungò le braccia sopra la testa e chiuse i pugni intorno alle colonnine. "Il mio corpo è tuo, Bethie. Toccami ovunque vuoi. In qualunque modo vuoi. Io non lascerò andare le colonne fino a quando non mi dirai che posso farlo. Mi metto nelle tue mani. Ora, qualunque cosa accada, dipende da te."

"Io non conosco nessun animale, Nicholas, ma solo l'uomo che che mi ha tenuto la mano mentre mettevo al mondo la mia bambina, l'uomo che ha rischiato più volte la vita per proteggermi, l'uomo che ha perdonato la mia vergogna, l'uomo che mi stringe fra le braccia e fa scomparire il resto del mondo. Io conosco solo l'uomo che amo, Nicholas. Conosco solo te."


♥♥♥

Nessun commento:

Posta un commento