"Chi accumula libri, accumula desideri;
e chi accumula molti desideri è molto giovane,
anche a ottant'anni."
Ugo Ojetti
"Sono una lettrice da sempre.
Ho letto in ogni fase della mia vita
e non c'è mai stato un periodo in cui la lettura
non sia stata per me la gioia più grande."
Diane Setterfield

giovedì 11 luglio 2013

Il confine di un attimo di Jessica Ann Redmerski**

**Se mi sfiori mi perdo.
Se mi lasci
mi manca il respiro.**


Autrice: Jessica Ann Redmerski 
Titolo originale: The Edge Of Never
Genere: New adult
 Pubblicazione italiana: Fabbri Editori  

La trama:

Camryn Bennett, vent'anni, non è certo il tipo da restare ingabbiata in una vita ripetitiva sempre uguale a se stessa. Ma da quando il suo ragazzo è morto in un terribile incidente, niente sembra più importarle davvero… Dopo che anche la sua migliore amica le volta le spalle, Camryn salta su un autobus, con solo un telefono cellulare e una piccola borsa, decisa a fuggire da tutti coloro che la vogliono incasellare in una vita che non le appartiene. Nel viaggio incontra un ragazzo di nome Andrew Parrish, un tipo non molto diverso da lei, da cui si sente irresistibilmente attratta. Andrew vive la vita come se non ci fosse domani: la provoca, la diverte, la protegge, la seduce, le insegna ad assaporare ogni singolo momento e ad ascoltare le sue emozioni più profonde, i suoi desideri più veri e inconfessati. Ben presto diventa il centro della sua vita. Ma Camryn ha giurato di non lasciarsi andare mai più, di non innamorarsi mai più… E il segreto che Andrew nasconde li spingerà irrimediabilmente insieme o li distruggerà per sempre? 

«Io stavo prendendo la strada lunga e Camryn imboccava la strada verso il nulla, e si dà il caso che le due strade portassero dalla stessa parte.»
Andrew


Non vedevo l'ora di leggere questo libro, adoro il genere new adult e questo mi sembrava perfetto. E' stata una lettura coinvolgente e appassionante, con quella punta di ironia che non può non divertire. L'ho divorato! L'autrice ha creato dei personaggi perfettamente delineati, che sanno cosa sia il dolore vero, nonostante la giovane età. Persone vere con pregi e difetti. Sono Camryn e Andrew, due perfetti sconosciuti che per ragioni che non starò qui a dire finiscono per intraprendere una viaggio senza meta, prima in autobus e poi in macchina attraversando stati e varcando limiti e confini. Un viaggio per fuggire dalla monotonia, dalla vita che passa sempre uguale. Un viaggio alla ricerca di se stessi, insieme. Lui la diverte, la sfida, la provoca e fa uscire quel lato di lei che tiene nascosto; non le risparmia le battute scurrili e la sprona a scoprire se stessa, nelle sue mille sfaccettature. E la capisce, lui capisce il suo dolore. Inizialmente può sembrare che lui abbia un secondo fine, troppa perfezione in questo ragazzo dai bellissimi occhi verdi, tanto accattivanti quanto profondi e dai muscoli scolpiti, ma via via che si prosegue questo viaggio viene fuori anche la personalità di Andrew. Lui è un ragazzo che non vuole permettere a se stesso di soffrire, semplicemente vuole non pensare al dolore, neanche per la morte del padre, ma lei gli insegnerà che bisogna concedersi di soffrire soprattutto per la perdita di una persona cara, e lei lo sa bene. Ma dietro la reticenza di Andrew si nasconde una motivazione più profonda, perché oltre ciò che mostra, vivacità e infinita voglia di vivere e scoprire il mondo, lui nasconde un segreto terribile, che farà versare qualche lacrima...
Durante il viaggio nasce una certa intimità, complicità... ma, tra la paura di star male o di far star male l'altro, nasce anche una grande storia d'amore. Dolcezza e sensualità. Bisogno di avere accanto l'altra persona, avere l'impressione di non poter respirare davvero senza di lei. Questo è quello che mi ha trasmesso. Questo è quello che ogni grande amore dovrebbe avere, la libertà di esprimersi senza paura di essere giudicati, perché sai che quella persona ti vede per come sei realmente. Ecco, amore dovrebbe essere libertà. E nel loro stare insieme vedo molta libertà, insieme ad infinito affiatamento.E' un libro che consiglio, perchè permette di vedere il mondo attraverso gli occhi di un ragazzo e di una ragazza che hanno sofferto ma affrontano il dolore, lo superano e vivono, vivono come se non dovesse esserci un domani, ma fissando un unico punto saldo: il loro amore.

"La mia Euridice è solo metà del tatuaggio.
...
Pensavo che un giorno, se mai mi fossi sposato, mia moglie si sarebbe fatta tatuare l'altra metà e avrebbe riunito la coppia."


"Voglio essere la tua Euridice, se me lo permetti.
...
Voglio farmi tatuare l'altra metà. Voglio Orfeo sulle costole, e voglio riunirli."




♥♥♥

1 commento:

  1. hanno fatto il tatuaggio alla fine!??!?!? e qual'è il segreto di lui?!?!
    sapurito pare!! ma meglio splendido disastro!! O.o

    RispondiElimina